Il terzo settennio 14/21 si manifesta attraverso l’atmosfera generale de il mondo è vero. Fisicamente i ragazzi, completano l’evoluzione del sistema del ricambio e delle membra e del sistema metabolico, crescono e maturano una fisicità in grado di stabilire le relazioni definitive con l’ambiente.

Si inizia ad esprimere la propria volontà, si sperimenta in questa età che il bene e il male sono anche dentro di noi, si può oscillare dalla più totale generosità ai comportamenti più egoistici. Dentro il giovane essere umano, cresce un’insoddisfazione nei confronti del mondo e della vita che si esprime in moti di ribellione.

In questo periodo il giovane è spesso chiuso in se stesso e cerca risposte a domande del tipo:

Chi sono? Perché sono al mondo?

Non si sente più compreso dai genitori e anche dagli insegnanti che non lo soddisfano. Cerca risposte alle sue domande nel mondo esterno, l’adolescenza ha a disposizione una grande forza interiore e vorrebbe trasformare il mondo e l’ambiente intorno a sé, introdurre nuove abitudini in famiglia, a cambiare da subito tutta la società.

Inizia la ricerca della verità

Il pianeta che governa questo periodo è venere, una bellezza non solo fisica ed artistica ma anche bellezza di pensiero.
È il periodo degli ideali, si combatte l’ipocrisia, ci si accorge che esistono bene e male, non si è più bambini e non si è ancora adulti.

In questo settennio posiamo le basi del nostro futuro sviluppo spirituale, a partire dal 14mo anno di età diventiamo sempre più responsabili del nostro destino;
ogni incontro umano avrà un significato profondo e ogni azione che intraprenderemo avrà la sua conseguenza.

Nell’educazione il principio che prevale è quello della libertà, a seconda di quanto il giovane sia in grado di assumersi in termini di responsabilità, altrettanto potrà godere in termini di libertà.

Andrà mantenuto l’equilibrio tra responsabilità e libertà.

Contemporaneamente è di fondamentale importanza coltivare e curare il dialogo, si può discutere, meglio non vietare.

Il giovane essere umano ha bisogno di imparare ad agire secondo il proprio arbitrio, maturando la capacità di discernere e giudicare.

A 18 anni 7 mesi e 9 giorni attraversiamo nella nostra biografia il primo nodo lunare, si ri-presenta la stessa costellazione della nascita relativamente a Sole e Luna:
questo particolare evento ci permette di intravedere con maggiore chiarezza la via del nostro destino, in molti giovani si delinea l’attitudine ad una determinata professione e possono emergere domande sul mondo del lavoro, sul valore del lavoro e del denaro.

Come potrò guadagnare il denaro che mi sarà utile a soddisfare i miei bisogni?

In questo settennio diventano riconoscibili le qualità e le forze collegate ai pianeti.

Qualità di Saturno: ricerca e indagine, approfondimento, legame con il passato, lealtà ed affidabilità, ragionevolezza;

Qualità di Giove: visione d’insieme, ordine, pensiero globale, armonizzazione, dominio;

Qualità di Marte: intraprendenza, realizzazione delle idee, orientamento ad un preciso fine, orientamento al futuro, coraggio, aggressività;

Qualità di Venere: cura e protezione, senso del bello capacità di creare e curare un ambiente, fantasia;

Qualità di Mercurio: pensiero deduttivo e associativo, capacità di adattamento, flessibilità, rinnovamento, capacità di imprimere movimento, superficialità;

Qualità della Luna: ordine, rispecchiamento, percezione della natura, facoltà di “assaporare”, di provare gusto e piacere delle cose;

Qualità del Sole: armonizzazione delle altre forze, splendendo e irraggiando, portando creatività e unione.

Dall’adolescenza in poi prendiamo in mano il nostro destino.
Quello che facciamo, le nostre azioni comportano conseguenze per la vita futura.
Questi primi tre settenni, soprattutto il primo, sono le fondamenta; le basi su cui si costruirà tutta la nostra vita.

Si possono sintetizzare in settenni di inspirazione in cui si prende qualcosa dall’ambiente e si trattiene tutto quello che è utile per la nostra crescita.

A 21 anni possiamo dire di essere cresciuti e di essere diventati grandi sul piano fisico.
I 3 sistemi: nervi e sensi, ritmico, ricambio e membra, dovrebbero essere adeguatamente sviluppati.

È interessante osservare il rispecchiamento tra questo periodo 0/21 e 42/63.

Quello che accade nel primo settennio si rifletterà o avrà influenza nei 56/63.
Per fare un esempio: se il bambino viene forzato precocemente ad una attività intellettuale questo avrà influenza su quello che avrà a disposizione sul piano spirituale dai 56 ai 63.

L’attività intellettuale è un processo di indurimento, irrigidimento; quali sono le espressioni di qualcuno che si è indurito spiritualmente? Il dogmatismo, il cinismo, la difesa dell’ortodossia o l’incapacità di adattarsi alle cose nuove… sul piano fisico attraverso l’indurimento dei vasi (arteriosclerosi), oppure malattie neurologiche…

quello che accade tra i 7/14 lo farà in ciò che avviene da 49 ai 56;

quello che accade tra i 14/21 si rifletterà sui 42/49.

Questo è un argomento a me molto caro, ho cercato di riassumere in modo sintetico e semplice; ovviamente c’è molto, molto di più; ho preso spunto da diverse pubblicazioni.
(vedi bibliografia).